Analisi | Febbraio 25, 2021

SP500: proiezioni e analisi

L’SP500 è in forte rialzo e gli argomenti a favore di una maggiore forza sono convincenti – abbiamo enormi stimoli da parte della banca centrale, il mercato non vede l’ora di vivere dopo il lockdown e COVID, e prevede una forte crescita economica in futuro, quindi cosa potrebbe andare storto?

La ripresa economica è scontata e lo stimolo della banca centrale ha fornito un’enorme liquidità che si sta spostando nei mercati azionari – il problema per il mercato azionario però è che l’inflazione è destinata ad aumentare…

Considerate questo fatto: se sommate tutto il denaro che gli Stati Uniti hanno MAI stampato, oltre il 40% di esso è stato stampato nel 2020. Questa è la stampa di denaro, NON l’emissione di crediti o prestiti (il meccanismo attraverso il quale la maggior parte del “denaro” entra normalmente nel sistema finanziario). Non abbiamo solo lo stimolo della banca centrale – ora abbiamo una quantità significativa di stimolo fiscale dai governi che sta andando direttamente nell’economia che creerà pressione inflazionistica. L’ex segretario al Tesoro Larry Summers ha dichiarato che l’amministrazione Biden rischia di scatenare la peggiore inflazione “in una generazione” e Summers è un democratico

Mentre abbiamo la Fed che dice che fornirà ampi stimoli e manterrà i tassi bassi per il prossimo futuro, i rendimenti delle obbligazioni USA sono in aumento. I traders di obbligazioni stanno pensando al futuro e stanno spingendo il rendimento del debito americano verso l’alto perché – ci sarà più spesa con il pacchetto di stimolo annunciato dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il che significa maggiori deficit, più offerta [di Tesoro], e naturalmente l’enorme spesa creerà inflazione.

Aspettative sui tassi d’interesse

Se guardiamo il T Note a 10 anni, possiamo vedere che i rendimenti sono in aumento, il che indica una maggiore inflazione e tassi di interesse più alti – Se ci muoviamo fino a 1,5 e togliamo il livello, allora mireremo al livello 2,00 che peserà sulle azioni.

Azioni La più grande bolla della storia

Prima di guardare il grafico dell’SP500, qui sotto ci sono un paio di grafici in termini di quanto sia ipercomprato il mercato azionario – è la più grande bolla della storia. Il primo grafico mostra l’indice delle condizioni finanziarie di Goldman Sachs e il secondo mostra l’indicatore preferito di Warren Buffet…

Opzione di chiamata una frenesia d’acquisto

Un segno di una bolla che potenzialmente sta per finire è quando l’acquisto di opzioni call accelera e possiamo vedere sul grafico qui sotto, che abbiamo un aumento parabolico con gran parte dell’acquisto fatto da traders retail inesperti. Il mercato è all’estremo rialzista e sta ignorando il movimento verso l’alto nei mercati obbligazionari, naturalmente, le bolle possono durare a lungo, ma se i rendimenti obbligazionari continuano a consolidarsi, le probabilità di una correzione nel mercato azionario aumenteranno.

 

SP500

Sul grafico settimanale qui sotto rimaniamo vicino ai massimi pluriennali e naturalmente potremmo continuare a salire, ma se rompiamo più in basso e prendiamo il primo livello di supporto, potremmo vedere un declino sostanziale mentre l’estremo rialzista finisce. In termini di SP500, se state facendo trading, tenete d’occhio i rendimenti delle obbligazioni mentre andiamo avanti.

 

 

Analisi fornita da LearnCurrencyTradingOnline.com

Il dati forniti contengono ulteriori informazioni, previsioni, analisi e recensioni di mercato pubblicate sul sito web di Key to Markets.

Prima di prendere qualsiasi decisione di investimento, è necessario sapere quanto segue:

– Key to Markets pubblica analisi di qualsiasi tipo esclusivamente a scopo informativo e tale analisi non deve essere interpretata come un consiglio di investimento o una sollecitazione ad acquistare o vendere qualsiasi strumento finanziario, inclusi, a titolo esemplificativo, i CFD.

– Key to Markets non sarà responsabile per qualsiasi perdita o danno che possa derivare, direttamente o indirettamente, dall’uso o dall’affidamento sui dati forniti da Key to Markets.

– Sebbene sia stato fatto ogni ragionevole sforzo per assicurare che tutte le fonti di contenuto siano affidabili e che tutte le informazioni siano presentate, per quanto possibile, in modo comprensibile, tempestivo, accurato e completo, Key to Markets non garantisce l’accuratezza o la completezza delle informazioni contenute nell’analisi.

– Le performance passate non sono una garanzia di risultati futuri.

Prima di prendere qualsiasi decisione di investimento è necessario comprendere come funzionano i prodotti a leva, in quanto sono di natura speculativa e possono portare a profitti e perdite. Per favore, prima di iniziare a fare trading, dovreste assicurarvi di aver compreso tutti i rischi.

Ultimi Articoli